foto_splash

Fotocamere: breve guida all’acquisto

Le fotocamere digitali rappresentano l’apice della tecnologia fotografica finora raggiunta. Nei pochi anni iniziali di commercializzazione il mercato delle reflex digitali ha completamente soppiantato quello delle reflex a pellicola, sostituendosi integralmente ad esso come mercato standard, sia professionale che amatoriale.

Negli ultimi sei o sette anni le fotocamere mirrorless di fascia alta (con obiettivo intercambiabile, comandi manuali, sensore aps-c o più grande) hanno raggiunto le fotocamere reflex per qualità e caratteristiche, e rappresentano ad oggi una potenziale alternativa ad una fotocamera reflex.

I modelli tra cui scegliere, per entrambe le categorie, sono generalmente suddivisi in categorie secondo fasce di prezzo e di tecnologia in entry level (base), semi professionale e professionale.

All’interno di ognuna di queste fasce e  possibile ritrovare ulteriori suddivisioni secondo quelle che sono aggiunte tecnologiche per semplicità d’uso o esigenze professionali come velocità, affidabilità, costruttiva e migliore qualità d’immagine.

Questa guida vuole fornire una base per l’orientamento su cosa dovrebbe acquistare chi ha intenzione di seguire i corsi di fotografia base offerti dall’associazione Officine Fotografiche Roma, e non pretende di essere una catalogazione approfondita dei modelli disponibili in commercio.

COSA ACQUISTARE

Qualsiasi modello reflex di fascia entry level permetterà di seguire agevolmente le lezioni del corso di fotografia base e intermedio e di mettere in pratica, sia nelle esercitazioni guidate sia per proprio conto in un secondo momento, tutte le tecniche spiegate durante il corso, e di verificare sul proprio apparecchio tutte le nozioni teoriche.

Le fotocamere mirrorless, approfittando dell’assenza dello specchio reflex e del mirino ottico, pur generalmente con corpi più piccoli e leggeri delle controparti reflex, rinunciano a volte a tasti e ghiere utili per un controllo manuale più agevole.

Ogni produttore di fotocamere rinnova ogni tre-quattro anni i modelli entry level, ma solitamente tra un modello e il successivo non ci sono miglioramenti importanti di cui sia indispensabile tenere conto.

Nella fascia entry level delle reflex cadono modelli Nikon (d3400, d3500, d5500, d5600) e Canon (200d, 250d, 2000d, 4000d).

I modelli più abbordabili di mirrorless di fascia alta partono di solito da un prezzo leggermente più alto Fujifilm (x-t200, x-t30), Sony (a6000) e Canon (m50).

Non ci sentiamo di consigliare questo o quel produttore, tutti hanno una storia consolidata nel mondo della fotografia e hanno dato prova di affidabilità, e inoltre la qualità e le caratteristiche tecniche degli apparecchi di una stessa fascia di prezzo sono paragonabili se non addirittura sovrapponibili;

Per dare delle linee guida sull’interpretazione delle differenze tra un modello e l’altro, tenete presente che un apprezzabile miglioramento della qualità dell’immagine stampata si ha con un raddoppio dei megapixel disponibili (da 20 a 24 non cambia granché); che una differenza tra 4 o 5 fps (frames per second, cioè la raffica di scatti in successione ogni secondo) e insignificante nelle reali esigenze di scatto, così come avere 11 o 15 punti di messa a fuoco.

Molti modelli offrono però delle caratteristiche che, seppur non indispensabili, aumentano la comodità di utilizzo, come la connessione wi-fi o bluetooth e la stabilizzazione ottica dell’obiettivo in kit.

Un miglioramento della qualità d’immagine (e delle prestazioni con luce scarsa) si ha invece nei salti generazionali tra fotocamere digitali. Una macchina entry level uscita quest’anno avrà una qualità d’immagine paragonabile se non addirittura migliore di una fotocamera professionale di qualche anno fa, pur rimanendo ovvia la differenza di qualità costruttiva, integrazione in un sistema più vasto, dimensioni, peso, velocità, d’esecuzione meccanica e elettronica e capacita  di sopportazione e sostegno di un carico di lavoro professionale che distingue tale categoria.

Acquistando un modello usato tenete conto che i modelli professionali sono stati di norma usati da professionisti, i quali spesso e volentieri abusano degli apparecchi fino all’estremo.

Per i modelli usati di fascia più bassa si corrono meno rischi di esaurimento, ma tenete conto anche di quanto detto riguardo il miglioramento della qualità d’immagine. Andando indietro nel tempo di cinque o sei anni si trovano modelli con una qualità abbastanza simile a quelli attualmente in produzione.

Chi non ha grosse preoccupazioni di budget e vuole acquistare nuovo un modello di fascia più alta tenga presente che al corso di fotografia base (come nel resto del percorso dei corsi di tecnica) non avrà vantaggi pratici, essendo l’essenza del funzionamento pratico degli apparecchi sempre la stessa, e che e per questo che i modelli più costosi ed evoluti non saranno menzionati in questa sede.

Inoltre, ricordando quanto detto poco sopra, e sconsigliabile per un principiante acquistare nuovo un apparecchio molto costoso, in quanto la velocità dell’evoluzione dei sistemi digitali fa pensare che questi verranno resi obsoleti dall’innovazione nel giro di pochi anni.

Obsolescenza che invece gli obiettivi non subiscono, o subiscono con molta più moderazione; se da principianti dovete decidere di fare un investimento fatelo su un’ottica di alta qualità e non sul corpo macchina, e avrete molte più soddisfazioni e nuove possibilità e applicazioni pratiche a vostra disposizione.

Sugli obiettivi c’e da fare una precisazione ulteriore: tutti i modelli di reflex digitali entry level hanno un sensore più piccolo del fotogramma su pellicola, il che genera equivoci e difficoltà per quanto riguarda la compatibilità delle ottiche, soprattutto nell’interscambio tra sistemi full frame (o pellicola) e sistemi a formato digitale ridotto (aps-c, dx e simili).

Nella scelta di ottiche aggiuntive per il proprio corredo è consigliabile farsi consigliare da un esperto, dal negoziante, o attendere le prime lezioni del corso per qualche chiarimento.

“Una sera un mio amico che si diletta di fotografia, invitato a cena, mostrò alcune foto che aveva portato con sé. La padrona di casa, guardandole, esclamo: “Bellissime, deve avere una macchina fotografica eccellente!”. Al momento di andare via, il mio amico rivolto alla padrona di casa disse: “Ottima cena: lei deve avere pentole di buona qualità!”. (SimonEvans)

Officine Fotografiche – settembre 2021