Blog


la nuova ecologia

La Nuova Ecologia cerca le tue storie!

Abbiamo avviato una collaborazione con Il mensile di Legambiente, La Nuova Ecologia.

Il mensile cerca storie a tema ambientale da pubblicare, a cadenza bimensile, nella
rubrica Reportage che prevede uno spazio di 3-4 pagine.
I progetti fotografici dovranno avere come protagonista l’ambiente, dovranno quindi
raccontare storie sia di denuncia (abusivismo edilizio e ambientale, inquinamento,
salute, disagio sociale…) che a risvolto positivo, (innovazione, economia circolare,
riciclo, turismo sostenibile…)
Il racconto fotografico dovrà presentarsi coerente ed accompagnato da un breve
testo (max 1500 battute) in cui si descrive il tema completato da dettagli sul luogo,
date, nomi, etc.

Le foto inviate dovranno comporre un portfolio narrativo composto da un numero di immagini a colori compreso tra 12 e 20.

Le immagini dovranno essere spedite in formato digitale, raccolte in un’unica cartella compressa in formato ZIP.
Ogni foto dovrà avere le seguenti caratteristiche:
– nominate con numero progressivo (es. MonteRosa-01)
– dimensione di 1024 pixel per il lato maggiore
– risoluzione 72 dpi
– breve didascalia (da inserire nell’info file dell’immagine o in un unico documento
pdf)

Il materiale dovrà essere spedito all’indirizzo foto@lanuovaecologia.it, nella mail si
ricorda di lasciare anche un numero di telefono.

Il reportage non potrà essere retribuito, ogni autore pubblicato riceverà in omaggio
un abbonamento annuale alla rivista e sarà considerato per possibili future
collaborazioni remunerate.
Per qualsiasi informazione scrivete a: foto@lanuovaecologia.it

Scadenza per inviare i materiali: 31 ottobre 2020


94-943199_poster-clipart-i-want-you-uncle-sam-wants

Vuoi lavorare con noi?

Si cerca sulla sede di Roma una figura con ottime doti comunicative e relazionali, una buona conoscenza dei principali strumenti informatici, spiccate doti organizzative e di multitasking, una buona conoscenza della lingua inglese, predisposizione al lavoro di gruppo e per obiettivi, interesse alla promozione delle attività culturali dell’associazione, intraprendenza e spirito di iniziativa.



Final Works2020

Mandateci le vostre foto!

Quest’anno non ci è possibile festeggiare la fine dei corsi di primavera come abbiamo sempre fatto, con la mostra e la festa dei Final Works, ma vogliamo invitarvi a partecipare almeno virtualmente ad una iniziativa che celebri i migliori lavori dell’anno.
Selezionate una o due immagini tra le foto che avete realizzato negli ultimi mesi, mandatele seguendo le istruzioni che trovate qui: CALL FOR ENTRY.
Avete tempo fino al 10 luglio 2020.


102334216_296050405124394_6135319816937930752_o

Bambuse al Mediterraneo @MAXXI

Una serata in collaborazione con Female Cut. Giovedì 11 Giugno nel giardino di Bambuse – @Mediterraneo al MAXXI dall’aperitivo fino a tarda notte.

Prendiamo parte alla serata con una proiezione di fotografie che puntano l’obiettivo sul confine tra documentazione e visione immaginifica, per creare uno spazio di confronto per le donne che hanno scelto di esprimere, attraverso i diversi linguaggi della fotografia, un punto di vista sulla società, i sentimenti e i fenomeni del nostro tempo.



fotografia di di Elia Marchesan

Il bicchiere mezzo pieno – le immagini

Immagini e parole per raccontare un quotidiano non ordinario

Abbiamo chiesto  agli alunni delle scuole del Municipio Roma VIII di raccontarci il loro quotidiano  con una foto e una breve descrizione il loro “bicchiere mezzo pieno”: qualcosa che gli piace fare, una nuova abitudine in famiglia, una situazione buffa o divertente checapita di vivere in questi giorni.

Ecco i risultati:

Ogni settimana le composizioni saranno pubblicate sui siti www.municipio-solidale.it e roma.officinefotografiche.org, e sulla pagina Facebook di Officine Fotografiche Roma.



Officine_Bldg-05120

Ancora un po’ distanti

Da questa settimana per molte realtà è possibile riaprire al pubblico. Per quanto ci riguarda, tuttavia, il decreto appena entrato in vigore, prolunga ancora il divieto delle attività in presenza e, a questo punto, ci sembra una scelta più responsabile continuare a tenere chiusa la nostra sede ed evitare qualsiasi situazione rischiosa.