IlReportage#51
Incontri di fotogiornalismo - martedì 12 luglio ore 19 - Officine Fotografiche Roma

Il Reportage #51 - Incontri di fotogiornalismo

Martedì 12 luglio alle 19 presentiamo il numero 51 della rivista Il Reportage a Officine Fotografiche.

La serata sarà moderata da: Riccardo De Gennaro (direttore di Reportage) Intervengono: Graziano Graziani (scrittore) Michela A. G. Iaccarino (giornalista e fotografa) Marco Raccichini (fotografo)

Ospite particolare del nuovo numero di Reportage è Dacia Maraini, che in una lunga intervista a Maria Camilla Brunetti racconta la storia della sua famiglia, i suoi libri, l’amore con Moravia e l’amicizia con Pier Paolo Pasolini nel centesimo anno della nascita di questi.

Il reportage di apertura è dedicato alla guerra in Ucraina: Ilaria Romano ha sentito le voci dei giovani artisti di Kiev, che parlano dell’evoluzione della loro sensibilità per via di un conflitto che non accenna a concludersi.

Segue, per contro, un resoconto dei problemi dei cittadini russi residenti in Italia, impossibilitati ad accedere ai loro conti e osteggiati dall’opinione pubblica in seguito alle sanzioni contro Putin.

Il servizio è di Michela A.G.Iaccarino, la quale scrive anche dei casi di ingiustificabile e ridicolo boicottaggio della cultura russa, non solo Dostoevskij.

 Il portfolio centrale è di Marco Raccichini, che è entrato nei laboratori che studiano ed elaborano quello che potrebbe essere i cibo del futuro, economico e sostenibile, come i vermi, i bacherozzi, le cavallette, le mantidi, le larve, la farina di insetti. 

 

L’ingresso è gratuito senza prenotazione.

FL_incontri_post_3
FotoLeggendo - Incontro con i curatori - sabato 25 giugno alle 15 - Sala A - Circolo degli illuminati - via Libetta, 1

Racconti dai Master - Alta Formazione OF

Lina Pallotta, Alessandro Penso e Augusto Pieroni

Racconti dai Master 

a cura di Lina Pallotta, Augusto Pieroni e Alessandro Penso

In mostra tre progetti provenienti dal lavoro annuale di progettazione all’interno dei percorsi di Alta Formazione di Officine Fotografiche.

Sabato 25 giugno alle 15 i curatori racconteranno la genesi e le varie fasi progettuali dei progetti in mostra.

OMAM di Caterina Lorenzetti

Progetto selezionato all’interno del Master SHOOT! Narrazione e ricerca di Lina Pallotta

Inizierò così: mai dirò ad un’altra donna di non parlare a partire dalla sua rabbia, e nemmeno che non la abiti1.

Tutta la nostra forza collettiva mi ha spinto a confrontare attraverso questo lavoro, il giudizio legato ad un trauma infantile condiviso da tante donne. È un progetto a lungo termine di cui qui vedrete soltanto una piccola selezione del primo capitolo dove mi confronto con il caos e le contraddizioni delle emozioni.

Attraverso un percorso multimediale, rivivo e ricreo esperienze dolorose e difficili che nonostante i conflitti, mi hanno incoraggiata e dato energia e vitalità, mi hanno spinto verso il femminismo, dato consapevolezza e mi hanno fatto aprire verso me stessa e il mondo circostante.

Inizio da esperienze con cui sono cresciuta, nello specifico da abusi infantili in famiglia e violenza domestica, riflettendo su come siamo toccate dalle cose e come tocchiamo le cose2, come ho innescato il processo di risignificazione e destrutturazione di queste esperienze individuali che mi ha permesso di riconoscermi in una storia collettiva.

 

 

Tracce di Resilienza di Matteo Capone 

Progetto selezionato all’interno del Master di Fotogiornalismo Contemporaneo di Alessandro Penso

Nell’Italia centrale, al confine tra Lazio e Umbria, si estende una superficie di 6197 ettari denominata “Paesaggio Culturale di Civita di Bagnoregio”. Essa è candidata a diventare Sito Unesco nel 2022 e comprende sei comuni: Civita di Bagnoregio, Bagnoregio, Lubriano, Civitella d’Agliano, Castiglione in Teverina e Graffignano.

Questo territorio si trova nella Valle dei Calanchi, una vasta area argillosa formata dall’erosione delle piogge, ed è caratterizzato da un’intensa attività geomorfologica (frane, attività sismica, erosione) che rende il paesaggio fragile e contribuisce ad un graduale processo di spopolamento. In- fatti, secondo i dati Istat, tra il 1961 e il 2021 la popolazione è diminuita di circa il 25%. Nonostante ciò questi borghi continuano ad essere delle mete turistiche in quanto realtà sospese nel tempo e vissute come un’epoca lontana dalla contemporaneità.

Con la candidatura a patrimonio Unesco, il concetto di tempo viene messo in discussione. Il passato aiuta a riflettere sulla loro importanza culturale mentre il presente fornisce un’idea sul rapporto di assenza-presenza della figura umana. Questi due aspetti si mescolano nel paesaggio sotto forma di tracce di resilienza, aprendo nuovi orizzonti e un futuro possibile in un luogo che non vuole perdere la propria identità. 

 

Punto Fermo di Enrica De Nicola

Progetto selezionato all’interno del Master Firma Visiva di Augusto Pieroni

Il punto fermo è il più forte tra i segni d’interpunzione destinati a marcare i confini sintattici.

Tra tutti i rifugi, l’inquadratura è un nascondiglio eccezionale, una soglia che, mentre invita a uscire ed entrare, per me finisce sempre per assolvere allo stesso scopo: proteggere il mondo sommerso dell’emotivo.

Una protezione opprimente che subisco ma che, al contempo, cerco: se non altro per mettermi al riparo.

Nel costante timore di svelarmi troppo o troppo poco, di localizzarmi lì o qui, fantastico di un ritorno a un profondo irrintracciabile: un punto fermo dove la calma è calma, e non presagio di catastrofi imminenti.

Schermata 2022-06-23 alle 22.09.47
FotoLeggendo - Presentazione editoriale - domenica 26 giugno alle 17 - Sala A - Circolo degli Illuminati

Nei miei occhi

di Anna di Prospero
edizione Contrasto, modera l'incontro Alessandra Mauro

Nei miei occhi di Anna di Prospero

Presentazione editoriale

 

 

Contrasto pubblica Nei miei occhi, la prima monografia dedicata al lavoro di Anna Di Prospero. Tra gli sguardi più innovativi del panorama fotografico contemporaneo, la fotografa realizza un racconto che è un’originale ricerca sull’identità e la sua storia personale: il volume raccoglie le sue serie più famose, le fotografie più interessanti, ed è arricchito dal testo vibrante e coinvolgente della scrittrice americana Francine Prose.

Accompagnata dalla macchina fotografica, Anna Di Prospero posa ogni giorno i suoi occhi sul quotidiano, restituendocelo in immagini dal valore intimo e, al tempo stesso, assoluto: «Per me lo straordinario sta nella rielaborazione che faccio attraverso le mie fotografie costruite, dove il mio personale diventa qualcosa di più universale, ma con un mio punto di vista», racconta.

Le fotografie la ritraggono così nella sua casa, nel giardino, insieme alle persone con cui condivide la vita, i genitori, il compagno, i figli. Il suo sguardo si sposta verso la sua città, Latina, o verso quelle che frequenta per lavoro, come Parigi o New York. I ritratti sono l’esatto contrario dei selfie del nostro tempo, perché in ogni immagine Anna Di Prospero ci appare di spalle, assumendo così una nuova forma ogni volta, per raccontare quella complessità che ci accomuna e permettendo il coinvolgimento e l’immedesimazione di chi osserva: «Le straordinarie fotografie di Anna di Prospero ci ricordano che ognuno di noi ospita molti sé. È nella natura degli esseri umani», spiega Francine Prose nel testo che apre il volume.

Così, storia dopo storia, di Anna Di Prospero vediamo il corpo muoversi nello spazio, adagiarsi per terra, stringere al petto il figlio o abbracciare un’amica, ma non vediamo mai il suo viso. La sua presenza, delicata e misteriosa, si muove in ambienti quotidiani che diventano subito scenari da favola e, in ogni immagine, vediamo quel che vedono i suoi occhi e la seguiamo, come seguiremmo Alice alla scoperta del Paese delle meraviglie.

Info

Anna Di Prospero nasce a Roma nel 1987. Ha studiato fotografia presso l’Istituto Europeo di Design a Roma e presso la School of Visual Arts di New York. La sua ricerca fotografica si caratterizza per il segno introspettivo con cui esplora la quotidianità e il rapporto tra uomo e spazio. Il suo lavoro è stato esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia e Stati Uniti, tra cui Les Rencontres D’Arles, Month of Photography Los Angeles, La Triennale di Milano e il Palazzo delle Esposizioni di Roma. Tra i suoi riconoscimenti il Sony World Photography nella categoria Portraiture, il People Photographer of the Year degli International Photography Awards e il Discovery of the Year dei Lucie Awards 2011.

Schermata 2022-06-23 alle 22.03.39
FotoLeggendo - Presentazione editoriale - sabato 25 giugno ore 19 - Sala A - Circolo degli illuminati

Il bacio di Giuda. Fotografia e verità

di Joan Fontcuberta
interverranno Francesca Adamo, Michele Smargiassi
edizioni Mimesis

In un percorso di otto saggi critici sulla fotografia, scritti nel corso di una lunga esperienza professionale, Joan Fontcuberta riflette sulla creazione delle immagini e sulla cultura che le vorrebbe espressione della verità e prova dell’esistente.

Ribellandosi alla credenza secondo cui il messaggio fotografico non necessiti di essere interpretato in quanto, per natura, “evidente”, Fontcuberta mette in dubbio l’idea di fotografia come specchio della realtà ed espressione della verità e il ruolo stesso del fotografo, che, crudelmente, dell’anima di ciò che ritrae restituisce solo la forma esteriore. Proseguendo con esempi tratti da vari ambiti della cultura – tra cui letteratura, cinema, teatro –, l’Autore mette in parallelo fotografia e scrittura e illustra i modi in cui l’immagine rappresenta o, piuttosto, semplicemente attrae.

Il bacio di Giuda è un classico della teoria della fotografia, già presente in bibliografia nei corsi universitari di comunicazione visiva.

Joan Fontcuberta, artista, fotografo, saggista, curatore di mostre. È autore di testi critici sulla fotografia, di cui esplora e manipola i confini tra reale e illusorio, verità e finzione. Interprete della fotografia contemporanea, premiato a livello internazionale, Fontcuberta ha esposto, tra gli altri, al MoMA di New York e allo Science Museum di Londra. Tra le sue ultime pubblicazioni: La furia delle immagini (2018).

Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica e curatore del blog Fotocrazia.

Francesca Adamo, caporedattore di Mimesis edizioni, direttrice della collana Sguardi e Visioni.

Schermata 2022-06-23 alle 22.09.33
FotoLeggendo | presentazione editoriale - sabato 25 giugno ore 17 - Sala A - Circolo Degli Illuminati

Fastidiosa

di Jean Marc Caimi e Valentina Piccinni
Overlapse 2022

Un racconto intenso, personale e senza filtri della Xylella, l’epidemia vegetale che minaccia l’Europa; “Fastidiosa” è il risultato di un progetto a lungo termine di Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni che hanno fotografato i contadini locali e la devastazione ambientale in Puglia per un periodo di sei anni.

Il duo ha trascorso mesi nella regione vivendo in un vecchio frantoio tra gli uliveti, a stretto contatto con i contadini alle prese con la distruzione della loro tradizione ancestrale, della loro cultura e storia e dei loro mezzi di sostentamento, costretti ad abbattere gli ulivi per prevenire la diffusione dell’infezione nel Nord Europa.

Milioni di alberi sono già stati eradicati e non si conosce una cura per la malattia. “Fastidiosa” presenta un mix drammatico di ritratti analogici in bianco e nero e paesaggi, immagini a colori che evidenziano la ricerca scientifica e gli sforzi della sperimentazione, fotografie d’archivio di un’epoca perduta e le parole delle vittime che raccontano con le loro voci questo disastro epocale. 

FL_incontri_post_5
FotoLeggendo - Incontri - domenica 26 giugno ore 11 - Sala A - Circolo degli Illuminati via Libetta 1

L'importanza della fotografia sociale

il progetto Wendy in collaborazione con la fondazione Allenora

L’importanza della fotografia sociale

Presentazioni dei progetti curati da: Simona Filippini – Camera 21, Tania Boazzelli con Scatto Libero, Andrea Petrosino e Ornella Mazzola – progetto Wendy

WENDY

Laboratorio di racconto fotografico per bambin* e adolescent* (Palermo 2022)

di Andrea Petrosino e Ornella Mazzola

WENDY è il nome di un progetto laboratoriale di racconto fotografico nato dal nostro profondo amore per la fotografia. 

Siamo due fotografi, Ornella Mazzola e Andrea Petrosino, fermamente convinti che la fotografia, così come l’arte in ogni sua forma, possa generare bellezza in ogni luogo e da ogni persona, se si fornisce uno stimolo e a questo si associa la libertà di sperimentare. 

Il laboratorio, ideato dai fotografi Ornella Mazzola e Andrea Petrosino, è un progetto YOLK Palermo, sostenuto da Allenora Foundation, ospitato e promosso da Palazzo Butera Collezione Francesca e Massimo Valsecchi, curato da Valentina Bruschi e da Ferdinando Foresta, con la preziosa collaborazione di Baco About Photographs (Andrea Campesi e Valentina Sestieri).

Scatto Libero di Tania Boazzelli
Il terzo progetto dell’associazione Scatto Libero, ancora inedito, è stato realizzato all’interno della Terza Casa Circondariale di Rebibbia con macchine istantanee Polaroid.
Il laboratorio è stato tenuto da Alessandro Penso, fotografo di fama mondiale.
Ad ogni ragazzo è stata data la possibilità di scattare la quotidianità del carcere avendo a disposizione solo un numero limitato di cartucce sia colore che bianco e nero.
Sull’immagine della polaroid ognuno di loro è poi potuto intervenire materialmente con scritte di frasi e pensieri, le fotografie sono potenziali messaggi di speranza dei ragazzi del carcere.
Simona Filippini con l’Associazione Camera21
Dalle prime esperienze con i bambini a Napoli, all’esperimento DI LEI con le donne/tate/fotografe, ai laboratori presso il Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo di Castelnuovo di Porto, passando per i video realizzati per il Diritto di Cittadinanza e il Diritto allo Studio dei nuovi cittadini, un excursus su alcune pratiche di fotografia impegnata nel sociale maturate negli ultimi anni da Simona Filippini con l’Associazione Camera21.

IlReportage 50
Incontri di fotogiornalismo - martedì 17 maggio ore 19 - Officine Fotografiche Roma

Il Reportage - Incontri di fotogiornalismo #50

Martedì 17 maggio alle 19 presentiamo il 50 numero de Il Reportage a Officine Fotografiche Roma. A moderare l’incontro ci sarà: Riccardo De Gennaro, direttore de Il reportage, Maria Camilla Brunetti, caporedattrice, Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni, fotografi, Guido Guglielminotti, fotografo.

La copertina del nuovo numero è dedicata al portfolio del fotografo praghese Michal Novotny, che documenta lo sport più crudele del mondo, lo sport nazionale del Kirghizistan, una sorta di rugby a cavallo, giocato con la pelle di una capra al posto della palla ovale. Il numero, tuttavia, non poteva non essere aperto da un reportage dall’Ucraina, dove si parla della resistenza degli abitanti all’invasione russa: da un lato attraverso l’organizzazione di numerosi corsi di addestramento militare e di tiro al bersaglio, dall’altro con l’evacuazione dal Paese delle donne e dei bambini. Il servizio è di Jean Marc Caimi e Valentina Piccinni, che sono stati a Kiev e al confine con la Polonia. 

Il secondo reportage è della fotografa Violeta Santos Moura ed è stato realizzato nelle aree rurali del Portogallo, aree sempre più isolate e svuotate per i problemi di natalità, emigrazione e pandemia. In Uganda, invece, il caso è inverso: al contrario della crisi delle nascite si è verificato un boom anagrafico, basti pensare che – come racconta Riccardo Bononi – la metà della popolazione ha meno di 15 anni. Filippo Venturi ci porta invece a Dubai durante l’Esposizione universale per scoprire che la città-baraccone degli Emirati arabi uniti ha due volti: quello dei milionari, degli uomini d’affari e dei turisti e quello degli “schiavi”, che con il loro lavoro sottopagato contribuiscono all’ostentazione della ricchezza e al perfetto funzionamento delle più sbalorditive tecnologie. 

Se nel Golfo abbiamo una città in pieno sviluppo, dall’altra parte del mondo, negli Usa, ce n’è un’altra che rinasce dopo una fragorosa caduta. È il caso di Detroit, l’ex capitale dell’auto, diventata negli anni Novanta una “città fantasma”, la prima metropoli americana ad aver dichiarato bancarotta: oggi ha cambiato vocazione e punta sugli investimenti immobiliari, l’industria discografica, la cultura, l’economia green (il reportage è di Mauro Guglielminotti, che l’ha frequentata spesso nel corso degli ultimi trent’anni).

Il secondo portfolio è del fotografo Pietro Magnani, che è andato a Pyramiden, l’ex città mineraria di proprietà sovietica, ora completamente abbandonata, situata su di un’isola della Norvegia.

Non manca, naturalmente, la consueta e approfondita intervista: a raccontarsi a Maria Camilla Brunetti è, questa volta, lo scrittore, giornalista e “camminatore” Paolo Rumiz, il quale parla dei suoi libri e dei suoi viaggi. Anche nel numero 50, infine, ci sono la rubrica con le cinque recensioni librarie, nonché quella intitolata “Un autore un libro” ancora di Maria Camilla Brunetti (dedicata all’ultimo romanzo di Alessandro Bertante) e quella con la poesia inedita e commentata di Valerio Magrelli.

Il racconto inedito è di Riccardo De Gennaro, mentre la foto vintage ricorda il processo e l’esecuzione del criminale nazista Adolf Eichmann, sessant’anni fa, in Israele, dopo la sua cattura in Argentina.

Info

Ingresso libero

temporary life
Presentazione editoriale - martedì 26 aprile ore 19 - Officine Fotografiche Roma

Temporary Life di Francesca Cao

di Francesca Cao
a cura di Irene Alison edito da PostCart

Martedì 26 aprile alle 19 presentiamo il libro “Temporary Life” di Francesca Cao a cura di Irene Alison, edito da PostCart.

La presentazione è libera, ma su prenotazione a questo link: https://forms.gle/awkP5EJDaSdf4k7g6

I terremoti hanno aperto nel fragile tessuto geologico e sociale dell’Italia strappi spesso mai ricuciti, lasciando sul territorio tracce profonde. Dopo il sisma che ha colpito l’Abruzzo nel 2009, la fotografa Francesca Cao ha intrapreso un percorso di mappatura del paese, alla ricerca dei residui dei terremoti passati e delle architetture dell’emergenza che hanno segnato il paesaggio post-sismico anche nei modi e nelle forme del vivere delle comunità colpite. Balsorano, Montevago, Sant’Angelo a Scala, Messina, Poggioreale, L’Aquila.

Ognuno, nella quiete dei luoghi fotografati da Francesca Cao, ha il suo terremoto in testa. Ognuno coltiva in un modo diverso la memoria di un evento che ha cambiato – con modi, conseguenze e intensità diverse, ma sempre dirompenti – la storia di uomini, cose, città.

Dopo che la polvere si è posata, che è scemata l’eco delle grida dei sopravvissuti, delle sirene delle ambulanze e delle edizioni straordinarie dei telegiornali, dopo che l’italia ha rivolto altrove la sua attenzione, ricominciando a guardare avanti, Francesca ha scelto di tornare indietro. Con la pazienza e la cura di chi vuole cucire insieme una storia di fantasmi e di silenziose resistenze, di paesaggi e di vite interrotte.

Una storia che oggi, si dischiude dalle pagine del libro Temporary Life curato da DER*LAB e pubblicato da Postcart – a evocare l’idea di una vita “temporanea”, rimasta in sospeso, in attesa di un trasloco verso un futuro migliore.

Per assistere alla presentazione è necessario avere il green pass rafforzato. 

# 0741 Genova Pegli West
Presentazione editoriale - 7 aprile ore 19 - Officine Fotografiche Roma

Massimo Vitali - Una storia italiana

di Noemi Pittaluga

Il volume Massimo Vitali. Una storia italiana di Noemi Pittaluga, pubblicato dalla casa editrice Ledizioni di Milano, intende analizzare per la prima volta l’intero excursus artistico dell’autore, riconoscibile e famoso a livello internazionale soprattutto grazie alla sua Beach series.

Intervengono:
Noemi Pittaluga, autrice
Massimo Vitali, fotografo (diretta online)
Nicola Cavalli, editore Ledizioni di Milano (diretta online)
modera:
Anna Maria Monteverdi, Università degli Studi Statale di Milano

——- seguirà proiezione video intervista Photography for me is everything ——-

Evento in collaborazione con il Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università degli Studi Statale di Milano.

Il libro ripercorre gli anni di formazione di Massimo Vitali e individua le fonti testuali e iconografiche (in particolare il legame con la tradizione della fotografia oggettiva, con l’arte rinascimentale e la storia del teatro) in connessione con la produzione delle ultime tre decadi.
Il testo, che presenta una cinquantina di scatti significativi dal 1994 ad oggi e rare immagini del primo periodo di attività del fotografo, mette in evidenza come la poetica dell’autore abbia una salda relazione anche con la grande tradizione della pittura di paesaggio e quella fiamminga del Cinquecento e Seicento e sottolinea come l’opera dell’artista sia orientata ad indagare le dinamiche relazionali che si instaurano tra le persone.

L’interesse di Massimo Vitali per i cambiamenti sociali e politici emerge nell’intervista esclusiva che, insieme con il testo critico, individua un chiaro fil rouge con gli scatti giovanili in bianco e nero del fotografo.
Lontano dall’evento spettacolare e traumatico, l’artista oggi osserva dalla sua alta pedana i cambiamenti degli usi e dei costumi prediligendo come set fotografico la spiaggia, ma non disprezzando altri luoghi come la montagna, la discoteca e la piazza.

Con una visione mediterranea che si coniuga con uno sguardo sottile e imparziale, il lavoro di Massimo Vitali, maturato negli anni ’90, mette al centro della sua ricerca l’uomo, presentato sempre come protagonista e mai come un segno grafico.

001
Presentazione editoriale - mercoledì 30 marzo ore 19 - Officine Fotografiche Roma

EN GARDE

di Fabio Renzi

Mercoledì 30 marzo alle 19 presentiamo a Officine Fotografiche roma il progetto En Garde con le fotografie  Fabio Renzi e i testi di Diana Pintus. Andrea Pellegrini è un atleta, è un simbolo dello sport, nel senso più puro del termine, quello dell’allenamento quotidiano e del gesto atletico straordinario, capace di fare la storia della Scherma e del Basket, in una carriera lunga venticinque anni.

Per partecipare alla presentazione che si terrà solo in presenza registratevi qui: https://forms.gle/oEEa5HKiTEwkNnjm6

Con la prima ha partecipato a sei edizioni dei Giochi Paralimpici, vincendo complessivamente nove medaglie, di cui un oro conquistato ad Atene nel 2004. Con il secondo può vantare ventidue anni di carriera nella squadra del Santa Lucia, dove tutto è cominciato nell’estate del 1992, proprio quando non l’avrebbe più creduto possibile.

Il 24 novembre 1991 Andrea ha un incidente ferroviario alla stazione di Ladispoli. Lo trasportano d’urgenza all’Aurelia Hospital, dove subisce vari interventi, ma nonostante gli sforzi dei medici gli viene amputata una gamba. In ospedale Andrea fa la conoscenza di alcuni ragazzi che gli cambieranno la vita, aiutandolo a recuperare la speranza, consigliandogli di rivolgersi all’Istituto Santa Lucia per la riabilitazione.

Andrea è stato capace, grazie allo sport, di riprendersi la sua vita a trecentosessanta gradi. E’ un uomo convinto che le barriere fisiche non contino niente e che l’unica barriera è la capacità di accettarsi.

“Se uno si accetta allora va incontro al futuro. È lì che nasce la forza. Questo è quello che vorrei insegnare ai ragazzi: la possibilità, grazie allo sport, di tornare a sorridere e di regalare sorrisi.”

Chi fa sport sogna sempre di vincere, ma Andrea con il tempo si è accorto che c’è molto più di quello. Aver fatto sport con passione e dedizione, è la più affilata arma che abbia mai avuto in mano, e riuscire a trasmettere questa passione è il suo sogno per il futuro.

Fabio Renzi

è un fotografo documentarista. Vive a Roma, ha frequentato corsi di formazione di fotografia documentaria e reportage fotografico presso Officine fotografiche.

Concentra le sue ricerche personali e i suoi progetti documentaristici su tematiche sociali e antropologiche.

Nel 2011 ha partecipato al progetto collettivo promosso da Officine Fotografiche “Dio Altrove”. Un viaggio attraverso i diversi luoghi di culto nella città di Roma, con l’obiettivo di documentare alcune comunità straniere di confessioni anche molto lontane tra loro, la cui immigrazione in Italia ha differenti ragioni storiche e sociali.

Dal 2012 lavora al progetto “En Garde” sul tema della disabilità, con l’obiettivo di raccontare la storia dell’atleta paralimpico Andrea Pellegrini.

 

Diana Pintus

Scrittrice e sceneggiatrice, dal 2013 si occupa di comunicazione sociale. Dal settembre 2014 lavora al progetto Storie Paralimpiche, tramite il quale ha costruito una rete solida di organizzazioni e istituzioni che si occupano di sport e disabilità in Italia,  Brasile e Argentina, in particolare a Roma, Buenos Aires e a Rio de Janeiro, sede delle Paralimpiadi 2016.

Nel 2012 ha svolto Servizio Civile in Brasile (Foz Do Iguaçu) con il CESC Project, realizzando fra l’altro laboratori di video, giornalismo e narrazione.. Nel 2013-2014 ha svolto attività con persone disabili nei Laboratori Socio – Occupazionali della Comunità Capodarco di Roma e nel 2015 con il Grupo Luar Sem Limites e con la Cooperativa Sociale Integrata Matrioska.

Nel 2018 ha pubblicato il romanzo “Due Rimbalzi”, un romanzo ambientato durante le Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Dall’incontro, nell’ambito di Storie Paralimpiche, con Andrea Pellegrini e Fabio Renzi è nato il progetto “EN GARDE”, per il quale ha scritto i testi.